Associazione per la Cura del Comportamento Alimentare

La verità sulle verità svelate

La verità sulle verità svelate associazione acca lucca onlus blog

In questi giorni mi è capitato di leggere un interessantissimo articolo che parlava di quali parole si inseriscono nei titoli dei giornali, soprattutto online, per attirare l’attenzione del lettore e quindi far sì che il link venga aperto. Pare che le formule più utilizzate siano “la verità su …”, “tutta la verità su..”oppure “Tizio rivela la sua verità”.

Siamo tutti curiosi di scoprire queste verità. Ma perché? Forse perché siamo abituati alle fake news, forse perché ci attrae l’idea del mistero svelato o forse semplicemente perché nella verità si trova l’umanità delle persone.

Mi è tornato subito in mente che poco prima, effettivamente, io avevo cliccato su un link che diceva qualcosa tipo “ Ecco cosa c’è dietro il perdere tanti chili”. Beh, la forma cambia ma non la sostanza.

L’articolo raccontava la storia di una ragazza che aveva fatto una dieta severissima e perso tantissimi chili; che aveva perso il controllo ed aveva sofferto di disturbi alimentari e che nonostante ne fosse uscita, aveva ancora paura di tornare come prima.

Toh, la storia della mia vita!

A parte gli scherzi, mi ha colpito la sincerità con cui ammetteva che ciò che la spingeva ad andare avanti erano gli sguardi di approvazione degli uomini, la maggiore disponibilità nei suoi confronti da parte del prossimo. Ne parlava come se parlasse degli effetti di una droga.

La droga della bellezza, direi.

Sinceramente penso, che ciò che rende belli sia il sentirsi belli più che l’esserlo, ma questo è un risultato estremamente difficile da ottenere, e non c’è dieta o allenamento che possano aiutare.

Quello che, però, mi chiedo è: perché questa persona ha deciso di raccontare la sua verità?

Uno strano dato oggettivo è che molti di coloro che hanno sofferto di una qualche grave malattia, come un tumore o un disturbo alimentare, poi sente il bisogno di raccontare la sua storia.

Qualcuno di voi potrà pensare che ci sia una sorta di narcisistica volontà dietro, e magari potrebbe pensarlo legittimamente nel nostro caso, se si accetta l’assunto che molti di noi siano drogati di bellezza o di ammirazione.

Sapete, io non credo affatto che sia così. Credo piuttosto che la nostra voglia di raccontare una verità sia dettata dallo stupore. Si, ho scritto proprio stupore. Perché nessuno di noi poteva immaginare cosa volesse veramente dire soffrire di anoressia o bulimia, né quanto potesse soffrire e tanto meno quanto potesse essere difficile guarire.

Perciò, fidatevi di noi. Leggete le nostre verità e scoprirete che non c’è niente di bello nel vivere determinate esperienze. Alla fine è questa l’utilità di un’esperienza, no? Non ripercorrere una strada sbagliata.

La verità, però, è solo una: è tremendamente difficile essere umani.

 

S.