Associazione per la Cura del Comportamento Alimentare

Il peso dell’amore

il peso dell'amore associazione acca lucca onlus il blog

Diciamoci la verità, amici, lo specchio della società sono i programmi televisivi.
Oggi parliamo dei dating show: quelle trasmissioni in cui si cerca l’anima gemella.
Il più famoso è sicuramente Uomini e Donne. Come tutti sapete ci sono questi famosissimi “tronisti” che vengono contesi da più “corteggiatori”, tra i quali sceglieranno un possibile compagno per la vita. Si tratta sempre di ragazze e ragazzi molto belli, tanto che alla fine del percorso, spesso diventano influencer di successo. Pensate a Giulia De Lellis, passata dalle poltroncine rosse di Maria De Filippi a disegnare una linea di occhiali da sole per Blumarine.
In una puntata della scorsa settimana è iniziata una discussione sul quanto conti l’aspetto fisico nella scelta del partner. Davanti ad un corteggiatore che ha detto che per lui non conta tanto, un suo rivale gli ha risposto: “vorrei vedere, se lei (la tronista) pesasse 300 kg, non diresti la stessa cosa”.
Inutili i tentativi di un altro tronista e di Tina Cipollari di dire che non è vero, che non è detto che “grasso è brutto”; inutile perché ormai quella sentenza era arrivata forte e lapidaria. E soprattutto, nessuno in quello studio portava un esempio diverso: sembrano tutti presi da casting per modelli.
Stiamo parlando di uno dei programmi più seguito dai giovani, che porta spesso a sognare di vivere un corteggiamento o un amore bello come quello, o di trovare una persona così bella di cui innamorarsi. Il rischio è far arrivare a pensare che l’unico modo perché ciò succeda sia diventare magre come quelle troniste.
Ed è esattamente questo il messaggio che è arrivato dall’affermazione del corteggiatore di cui dicevamo, della serie: “l’aspetto non conta SOLO se sei magro e bello”.
Credo sia molto triste e ingiusto!
Mi è venuto subito in mente quel film americano che s’intitola “Amore a prima svista”. V’invito a vederlo se non lo conoscete. Il protagonista è uno spietato sciupafemmine, che frequenta solo modelle e che per uno scherzo del destino s’innamorerà di una donna in sovrappeso, non vedendola per come fisicamente è ma come l’incarnazione della sua anima: bellissima!
La stessa sera ne ho visto un altro di dating show: Take me out, su Real Time. 30 ragazzi hanno la possibilità di conoscere una ragazza basandosi sull’aspetto, su una sua presentazione sommaria e su un suo difetto.
Non è il meccanismo che voglio sottolineare ma la varietà di concorrenti: diverse forme fisiche, diverse età e diverse nazionalità. Persone normali direi.
E lasciatemi dire la soddisfazione che ho avuto nel vedere una ragazza formosa ballare il burlesque davanti a questi ragazzi ed essere scelta dalla maggior parte di loro.
Ognuno merita l’amore. Ognuno merita qualcuno che lo trovi bello e desiderabile.
E credetemi, questo non ha nulla a che fare con il peso del corporeo.

S.