Associazione per la Cura del Comportamento Alimentare

Perchè no?

La scorsa settimana Ilaria ed io siamo andate ad un corso organizzato dal Cesvot per cercare d’imparare ad “accogliere ed accompagnare i giovani nelle associazioni di volontariato”. Chi di voi ci segue sui social lo saprà.

Forse vi chiederete, ed anch’io me lo chiedevo, come si può imparare a convincere qualcuno a far parte di un’associazione. Pensiamo ad un’associazione come la nostra: perché qualcuno che non ha sofferto di disturbi alimentari e non ha parenti che ne soffrono dovrebbe voler entrare in ACCA Lucca o una realtà gemella?

“E perché no?” risponde la voce di Dio ad un titubante Don Silvestro, nel musical “Aggiungi un posto a tavola”, che continua a chiedergli perché abbia scelto proprio lui.

Al corso non abbiamo trovato una risposta a questa domanda, siamo stati solo invitati a mettere al centro le persone più che le attività che facciamo; ma una frase mi è rimasta in mente: “al volontariato si accede per vocazione”.

Mi piace pensare che la nostra associazione sia una piccola oasi di umanità o che almeno lavora per diventarlo. Perciò, se leggendo sul sito il nostro invito a diventare un volontario, vi siete chiesti perché dovreste farlo, la mia risposta sarà sempre “perché no?”: non serve altro che essere umani.

S.